PNRR, conseguiti dal Mims tutti gli obiettivi del primo semestre 2022 e tre obiettivi previsti per il secondo semestre

12 luglio 2022

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili è responsabile di interventi, finanziati dal PNRR e dal PNC, per complessivi 61,4 miliardi di euro: al 30 giugno il Mims ha emanato atti di ripartizione e assegnazione delle risorse per 60,6 miliardi di euro, pari al 98,6% del totale. Le risorse rimanenti saranno ripartite entro la fine dell’anno grazie ai recenti decreti sulla sperimentazione dell’idrogeno nei settori ferroviario e stradale.

È questo lo stato dell’arte che emerge dal monitoraggio periodico sull’attuazione del PNRR e del PNC di competenza del Ministero, responsabile del raggiungimento, entro il 2026, di 57 tra traguardi (milestones) e obiettivi (target) del PNRR (47 investimenti e 10 riforme) e di 170 target relativi ai 22 investimenti del PNC. 

Per quanto riguarda il PNRR, il Mims ha raggiunto 13 obiettivi (9 europei e 4 target intermedi) corrispondenti al 100% di quelli previsti per il 2021 e per il primo semestre del 2022. Inoltre, ha già raggiunto tre obiettivi con scadenza a dicembre 2022 e sono in fase avanzata di attuazione gli ultimi due obiettivi del quarto trimestre dell’anno in corso, che riguardano la riforma delle concessioni portuali e l’affidamento lavori per l’alta velocità ferroviaria Napoli-Bari e Palermo-Catania.

Nel dettaglio, le riforme previste per il 2022 e già conseguite riguardano la semplificazione normativa e il rafforzamento della governance per gli investimenti delle infrastrutture di approvvigionamento idrico, la semplificazione del processo di pianificazione strategica delle Autorità di sistema portuale, la semplificazione delle procedure di autorizzazione per gli impianti di cold ironing nelle banchine dei porti.

Gli investimenti di competenza del Mims, i cui obiettivi previsti per il 2022 sono stati già conseguiti riguardano, il Programma Innovativo qualità dell’Abitare (PINQuA) per il quale dovevano essere firmate le convenzioni con gli enti beneficiari del finanziamento, la milestone relativa allo sviluppo del sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS), con l’affidamento dei due Accordi Quadro multi-tecnologici relativi alle attività di progettazione e realizzazione, obiettivo raggiunto in anticipo rispetto alla scadenza del quarto trimestre 2022.

Scenario differente per il Piano nazionale complementare, di cui sono stati raggiunti solo 25 dei 31 target attesi per il primo semestre 2022. I sei mancanti sono in gran parte legati a interventi per i quali (dopo la comunicazione effettuata nell’ultimo trimestre del 2021) si attende, a breve, l’autorizzazione della Commissione europea. Si tratta di investimenti per l’upgrading e il refitting delle navi e l’acquisto di mezzi interoperabili e la realizzazione di raccordi per il trasporto ferroviario delle merci. Infine, dopo che la prima gara per l’acquisto di tre navi da impiegare nello Stretto di Messina era andata deserta, Rfi ha provveduto a pubblicare un nuovo bando prevedendo risorse aggiuntive per l’acquisto di due navi con l’opzione per una terza.

Relazione sullo stato di attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

scroll