Green pass, rientro in presenza e smart working

Prima Cabina di Regia sul Recovery Plan

12 ottobre 2021

A Palazzo Chigi, alla presenza di tutti i ministri competenti si è svolta il 7 ottobre la prima cabina di regia sul PNRR. Il dossier oggetto della riunione è stato l’educazione.

Sono 6 le riforme, tutte da adottare entro il 2022.

La principale sarà la Riforma degli istituti tecnico professionali, per colmare un divario del nostro Paese rispetto ai partner europei, strettamente collegata al rafforzamento della capacità di innovazione promosso dal Piano nazionale Industria 4.0.

Altre riforme fondamentali sono quelle dell’Orientamento, per accompagnare gli studenti nella scelta di un percorso di formazione adeguato all'inserimento nel lavoro, come anche quelle del Reclutamento degli insegnanti e della Riorganizzazione del sistema scolastico.

Saranno assegnate risorse per oltre 17 miliardi, ripartiti nelle due grandi aree delle infrastrutture (fisiche e digitali) e del potenziamento delle competenze: 3 miliardi per i nuovi asili nido; 800 milioni per la costruzione di scuole nuove, altamente sostenibili; 430.000 mq di nuove palestre; 00 milioni per la costruzione e riqualificazione degli spazi dedicati alle mense.

Riforme e investimenti anche per Università e ricerca.

Riforma dei dottorati, delle lauree abilitanti, la revisione delle classi di laurea e  l’orientamento attivo nella transizione scuola università.

Sono 9 i miliardi di euro destinati al rafforzamento della ricerca.

La definizione di un sistema a rete consente il pieno coinvolgimento delle realtà territoriali di eccellenza presenti sull’intero territorio nazionale, comprese quelle del Mezzogiorno. In questo modo si garantisce il pieno rispetto del vincolo legislativo di destinazione del 40% di risorse alle aree del Sud.

Inoltre, le linee guida prevedranno anche che quattro assunzioni su dieci saranno riservate a ricercatrici.

Altro obiettivo: la revisione della normativa sugli alloggi universitari, primo passo per realizzare entro il 2026 oltre 60.000 posti letto aggiuntivi soprattutto nelle sedi con maggiore carenza di domanda.

Tags: PA, PNRR, riforme
scroll