Recupero contributi omessi e prescritti

Domanda: 

Come si possono recuperare i contributi omessi e prescritti?

Risposta: 

Quando un lavoratore si rende conto che nel suo estratto conto mancano dei contributi che sono stati omessi o prescritti, può richiedere la costituzione di una rendita vitalizia.

Il periodo di lavoro può essere riscattato in tutto o in parte. I contributi possono essere accreditati solo dopo il pagamento di un onere di riscatto e sono utili per il diritto e per la misura di tutte le pensioni.

Può fare richiesta di costituzione di una rendita vitalizia:

  • il datore di lavoro che ha omesso il versamento dei contributi e intende, in tal modo, procedere al pagamento degli stessi rimediando al danno causato al dipendente;
  • il lavoratore stesso, in sostituzione del datore di lavoro, sia nel caso in cui presti ancora attività lavorativa sia nel caso in cui abbia già ottenuto la pensione;
  • i superstiti del lavoratore.

Domanda

La domanda si presenta online all'Inps attraverso il servizio dedicato. Per l'accesso ai servizi online è necessario il possesso di un codice PIN rilasciato dall'Inps oppure di una identità SPID o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

In alternativa, può essere presentata tramite uno dei seguenti canali:

  1. Contact Center - attraverso il numero 803164 gratuito da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico;
  2. Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Alla domanda deve essere allegata la documentazione di data certa e redatta all'epoca in cui si svolgeva il rapporto di lavoro per il quale non si hanno contributi (libretto di lavoro, lettere di assunzione, buste paga, ecc.).

Aggiornata il: 
25/05/2017 - 16:44