Indennità di mobilità e tredicesima mensilità

Domanda: 

E' prevista la fruizione della tredicesima mensilità per chi percepisce l'indennità di mobilità?
 

Risposta: 

In materia di indennità di mobilità non sussiste il diritto alla percezione della tredicesima mensilità, poiché il parametro della retribuzione globale, utilizzato dall’ente previdenziale al fine della misura della prestazione, è già comprensivo delle mensilità aggiuntive percepite in costanza di lavoro. Infatti, l'importo dell'indennità di mobilità, per i primi 12 mesi è pari all'80% dello stipendio lordo, comprensivo dei ratei di tredicesima e quattordicesima, che il lavoratore aveva nel periodo immediatamente precedente il licenziamento ma nei limiti di un tetto massimo mensile annualmente rivalutato.

Per approfondimenti: sito Inps - Sentenza Tribunale di Milano - 26.2./23.4.2003, n. 1242/03

 

ASPI: A partire dal 1° gennaio 2013 e con riferimento agli eventi di disoccupazione involontaria determinatisi a partire da tale data, viene introdotta la nuova Assicurazione sociale per l’impiego (Aspi), che andrà a sostituire l’indennità di disoccupazione non agricola ordinaria, l’indennità di disoccupazione speciale nell’edilizia e dal 1° gennaio 2017, l’indennità di mobilità di cui all’art. 7 della Legge 23 luglio 1991, n. 223 (Circolare Inps n. 140 del 14/12/2012; Circolare Inps n. 142 del 18/12/2012).

Aggiornata il: 
21/01/2013 - 13:31