Importazione di un veicolo extra-UE

Domanda: 

Cosa bisogna fare per essere in regola se si acquista direttamente all'estero (extra-UE) un veicolo, nuovo o usato?

Risposta: 

Le pratiche amministrative relative all'immatricolazione e all'iscrizione al PRA di tali veicoli non possono essere espletate mediante le procedure semplificate dello Sportello Telematico dell'Automobilista. E' necessario, pertanto, prima immatricolare il veicolo all'ufficio provinciale della Motorizzazione (UMC) e poi, entro 60 giorni dalla data di effettivo rilascio della carta di circolazione, iscrivere il veicolo al Pubblico Registro Automobilistico (PRA).

Generalmente l'importazione del veicolo proveniente dall'estero viene effettuata dai concessionari e/o importatori del cd. "mercato parallelo" (ossia, non rientranti nella rete ufficiale di vendita delle case costruttrici) che provvedono, al momento della vendita in Italia, a tutti gli adempimenti amministrativi necessari.

Nel caso, invece, in cui il veicolo sia importato direttamente da un privato, quest'ultimo può provvedere di persona o tramite una delegazione dell'Automobile Club o a uno di studio di consulenza automobilistica (agenzia pratiche auto): in tal caso, oltre ai costi previsti per legge, per la richiesta bisogna aggiungere la tariffa - in regime di libero mercato - del servizio di intermediazione. 

Per approfondimenti: ACI

Aggiornata il: 
11/04/2017 - 11:57