Bonuf Irpef: 80 euro

Domanda: 

Chi e come si percepisce il bonus irpef di 80 euro?

Risposta: 

Da maggio 2014  è in busta paga il bonus Irperf, la misura introdotta dal  Decreto Legge 24 aprile 2014, n.66 “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale” in cui si riconosce un credito di 80 euro al mese ai lavoratori dipendenti e ad alcune categorie assimilate.

Il Bonus è stato confermato a regime dalla Legge di Stabilità 2015 ed è diventato strutturale. Il Bonus di 80 euro Verrà quindi corrisposto anche per il per 2017 ai lavoratori dipendenti con reddito complessivo non superiore ai 26 mila euro.

Nel dettaglio le istruzioni per applicare il credito introdotto dal Dl 66/2014 sono illustrate nella circolare n. 8/E dell'Agenzia delle Entrate del 28 aprile 2014 .

Con la successiva circolare n. 9/E dell'Agenzia delle Entrate del 14 maggio 2014 viene chiarito che il bonus di 80 euro è previsto anche per i lavoratori che percepiscono somme a sostegno del reddito, come la cassa integrazione guadagni e le indennità di mobilità e di disoccupazione. Inoltre viene specificato che non concorrono al superamento del limite di 26 mila euro previsto dal bonus, le somme percepite a titolo di incremento della produttività, che godono di una imposta sostitutiva del 10%.

Per disoccupati, cassintegrati e lavoratori in mobilità, l’Agenzia delle Entrate dichiara che il diritto scatta automaticamente perché le somme percepite costituiscono proventi comunque conseguiti in sostituzione di redditi di lavoro dipendente, quindi assimilabili alla stessa categoria di quelli "sostituiti“. In tutti i casi per verificare se si ha diritto agli 80 euro bisogna comunque tener conto anche delle entrate ottenute dall’affitto di immobili assoggettati alla “cedolare secca".

Nel caso di contribuenti che hanno lavorato solo una parte dell’anno, il datore di lavoro deve calcolare il credito sulla base del periodo di lavoro effettivo.

Aggiornata il: 
07/07/2017 - 15:07