Semplificazioni: scambio telematico tra amministrazioni in materia di servizi sociali

Con il Decreto "Semplifica Italia" (Dl 5/2012) - pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 febbraio 2012 - tutte le amministrazioni erogatrici di servizi sociali invieranno all’Inps le informazioni sui beneficiari e le prestazioni concesse.

Lo scambio dei dati avverrà in modalità telematica, nel rispetto del Codice in materia di protezione dei dati personali.

Gli enti erogatori dovranno inviare all’Inps le informazioni di reddito, quelle delle autocertificazioni e dell’ISEE necessarie.

Se dai controlli incrociati effettuati dall’Inps emergeranno situazioni di illegittimità, scatterà una sanzione proporzionale al beneficio illegittimamente goduto, nel caso in cui il beneficiario non avrà fornito adeguate spiegazioni.

Tutti i dati inviati all’Inps, insieme a quelli sulle condizioni sociali, confluiranno in un "Casellario dell'assistenza", anagrafe delle prestazioni assistenziali e dei loro titolari, istituito con la manovra estiva del 2010 (articolo 13 del D.L. n.78/2010).

Per approfondimenti:
Governo Italiano