Adire le vie legali

Le norme esistenti all'interno di un ordinamento giuridico comprendono il diritto sostanziale, cioè le norme valide per la convivenza civile e l'articolazione dei rapporti umani, e il diritto processuale teso all'eventuale tutela. Tutti i soggetti hanno il diritto di agire in giudizio per la tutela dei propri diritti ed interessi legittimi. Tuttavia, il diritto alla tutela giurisdizionale è condizionato dall'interesse ad agire, che costituisce il presupposto fondamentale dell'azione.

 

Il legislatore individua oltre alla tutela penale e amministrativa, quella di cognizione quando il soggetto ha violato una regola di convivenza e le parti non pervengono ad un accordo. Secondariamente l'ordinamento prevede la tutela di esecuzione per la realizzazione di un diritto di credito e infine una tutela cautelare tesa a preservare il diritto da un possibile pregiudizio. Perché una controversia sia portata dinanzi ad un giudice, è necessario che qualcuno prenda l'iniziativa.
E' possibile adire le vie legali scegliendo diversi strumenti di tutela in base al diritto da tutelare.

Adire l'autorità giudiziaria

La denuncia da parte dei privati è l'atto con il quale ogni persona porta a conoscenza dell'autorità un reato perseguibile d'ufficio del quale ha notizia.
La querela è la dichiarazione con la quale la persona offesa dal reato chiede che si proceda in ordine ad un fatto previsto dalla legge come reato per il quale non debba procedersi d'ufficio.
L'esposto è l'atto col quale si richiede l'intervento dell'Autorità di Pubblica Sicurezza per mediare dissidi privati tra le parti in contesa. 

Il diritto di difesa

Il diritto di difesa è tecnico e sostanziale: nella prima accezione si articola il diritto e il dovere di avere un difensore che guida la parte nel processo tramite consigli tecnici, con la seconda si sviluppa la titolarità dell'imputato stesso di scegliere la tesi sulla quale dibattere la propria posizione di innocenza. Tale diritto è inviolabile, in qualsiasi stato e grado del procedimento, garantito e gratuito per i meno abbienti e svantaggiati.

In giudizio autonomamente

La citazione e il ricorso consentono di chiamare in giudizio un soggetto, esponendo le proprie ragioni e chiedendo giustizia.
Nelle fattispecie di modico valore è possibile agire soli, senza un legale. In ambito amministrativo le parti possono stare in giudizio personalmente nei giudizi in materia di accesso, in materia elettorale e nei giudizi relativi al diritto dei cittadini dell'Unione europea e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri.

Aree tematiche: